IL BLOG DI ELEONORA GUGLIELMAN

Uno spazio dedicato alla formazione, l'apprendimento e le tecnologie di rete

E-learning & Rete

E-learning: a proposito della terminologia
L’espressione e-learning, divenuta sempre più familiare negli ultimi anni, indica l’insieme delle modalità di formazione a distanza che si servono delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione. Secondo la definizione della Commissione Europea è “l’uso di nuove tecnologie multimedia e di Internet per migliorare la qualità dell’apprendimento mediante l’accesso a risorse e servizi e a collaborazioni interscambi a grande distanza”; l’accento, quindi, è sull’opportunità di accedere a tecnologie e risorse che consentano una reale ottimizzazione nell’acquisizione del sapere, in termini qualitativi e di superamento/annullamento delle distanze.
Il suffisso e-, che indica le attività e i prodotti supportati dalla rete (e-commerce, e-government, e-mail, ecc.), è stato posto in origine per indicare l’electronic learning ed è in seguito passato ad acquisire un significato più ampio in prospettiva di un’integrazione delle tecnologie dell’apprendimento con le potenzialità di comunicazione in rete. Il termine e-learning, quindi, non va riferito soltanto all’erogazione di corsi a distanza con l’ausilio di Internet, ma a tutti gli aspetti relativi all’educazione, alla tecnologia, alle istanze economico-sociali, nonché agli aspetti progettuali per la realizzazione di ambienti di apprendimento aperti, distribuiti e flessibili, centrati sul soggetto che apprende e  basati sull’interazione e la condivisione delle risorse.
Alla base della scelta lessicale di utilizzare questo termine anziché espressioni che suonano quasi sinonime, ma che non hanno avuto la stessa diffusione, almeno in ambito europeo (espressioni come online learning, online education, web based learning, distributed learning, ecc.) sta la consapevolezza di una pregnanza semantica che non emerge dalla semplice traduzione di e-learning come “apprendimento elettronico”.